LA STORIA DI ANGELO

 

LA STORIA DI MIO FIGLIO ANGELO NATO AD AGRIGENTO IL 30/07/1984 ED RESIDENTE A PORTO EMPEDOCLE IN VIA SALITA GIBILARO N 11.

IO MI CHIAMO GIUSEPPE MARIA, MIA MOGLIE SI CHIAMA FRANCA STAGNO.
I PROPLEMI SONO INIZIATI IL GIORNO DELLA NASCITA DI ANGELO, NATO SOTTO PESO KG 2,350 PERCHE’ LA PLACENTA ERA PICCOLA, RIMANE IN OSPEDALE CIRCA UN MESE ,VIENE ALIMENTATO CON LA SONDINA, VIENE DIMESSO DALL’OSPEDALE SENZA CAPIRE QUELLO CHE MIO FIGLIO AVEVA.

NELL’ARCO DEI PRIMI MESI IL BAMBINO ERA SEMPRE AMMALATO CON VARIE PICCOLE MALATTIE (TOSSE, BRONCHITE, FEBBRE ECC), NEL 1985 UNA SERA SI E’ SENTITO MALE HA AVUTO UNA EMORRAGIA INTERNA, RICOVERATO IN OSPEDALE AD AGRIGENTO NON CAPIVANO COSA AVESSE, VENIVA TRASPORTATO ALL’OSPEDALE DEI BAMBINI DI PALERMO DOVE VENIVA OPERATO URGENTEMENTE CON DIAGNOSI: DIVERTICOLO DI MECKEL.

 

E’ STATO IN OSPEDALE UN MESE CIRCA, POI DOPO ALCUNI MESI CI SIAMO RECATI A GENOVA ALL’OSPEDALE GASLINI PER CAPIRE CHE COSA AVESSE NOSTRO FIGLIO.
DOPO ALCUNI GIORNI CI VENIVA RIFERITO DAL PROF. ROMANO RESPONSABILE DEL REPARTO DOVE ERA RICOVERATO MIO FIGLIO, CHE ANGELO AVEVA UNA MALATTIA RARA, LA SINDROME DI EDWARDS O TRISOMIA 18 INCOMPATIBILE CON LA VITA.
IN QUEL MOMENTO IO E MIA MOGLIE NON ABBIAMO CAPITO PIU’ NIENTE.
ABBIAMO INIZIATO A DOCUMENTARCI MA NESSUNO SAPEVA A COSA ANDAVAMO INCONTRO, NEANCHE I MEDICI CI SAPEVANO DARE DELL RISPOSTE.
ANGELO HA SUBITO DIVERSI INTERVENTI CHIRURGICI: UN REFLUSSO, UNA FIMOSI, UN TESTICOLO, UN’ASPORTAZIONE DI DENTI, ECC TUTTE NATURALMENTE AL GASLINI DI GENOVA.
ANGELO HA CAMMINATO ALL’ETA’ DI CINQUE ANNI CIRCA, DOPO LA NASCITA DI SUO FRATELLO CARMELO ED E’ MIGLIORATO TANTISSIMO DOPO LA NASCITA DI EMENUELE: I DUE FRATELLINI (CARMELO ED EMENUELE) SONO UNO STIMOLO PER ANGELO.
HO APPRESO DA GIANSTEFANO IL PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE SOFT ITALIA CHE MIO FIGLIO DALLA CONOSCENZE CHE CI SONO E’ IL PIU’ ANZIANO DI ITALIA, AVENDO COMPIUTIO NEL 2014 BEN TRENT’ANNI!
NOI TUTTORA ANDIAMO SEMPRE PER I CONTROLLI AL GASLINI DI GENOVA.
HO SCRITTO QUESTA PICCOLA STORIA PER DARE DELLE SPERANZE A TUTTE QUELLE FAMIGLIE CHE SI TROVERANNO NELLA SITUAZIONE COME LA NOSTRA.
NOI ABBIAMO SUPERATO TUTTO CON L’AIUTO DI NOSTRO SIGNORE, PERCHE’ NEI MOMENTI PIU’ DIFFICILI CI SIAMO SEMPRE RIVOLTI A LUI.
ANGELO E’ LA GIOA DI CASA NOSTRA.

ANGELO, CARMELO, EMANUELE, FRANCA E GIUSEPPE MARIA.